Single per scelta e single di ritorno

Categorie: single e single di ritorno.

In una nazione come l’Italia stiamo da tempo assistendo all’aumento di persone che  vivono da sole, lontano dal nucleo famigliare di origine per scelta o perché la vita li ha costretti in questa situazione (single di ritorno).

single-e-single-di-ritorno

I single oggi

Negli ultimi 10 anni questo fenomeno sociale è cresciuto del  46% e i single in Italia sono quasi 9 milioni.

In questi numeri mastodontici troviamo sia single che single di ritorno.

È single chi per scelta decide di non avere una relazione stabile e duratura nel tempo per vari motivi.

Il single di ritorno è la persona che ritorna single dopo aver avuto una relazione stabile come:

  • separati;
  • divorziati;
  • vedovi;

oltre, naturalmente, a chi ha convissuto per determinati periodi.

I single di ritorno sono una casistica molto vasta, dunque, in cui basta essere un “ex” e non avere una relazione per rientrarvi di diritto.

Crescono i single

L’essere single è un fenomeno in crescita esponenziale nel nostro paese per svariati motivi.

Accanto all’uomo  o alla donna che decidono di restare single perché reputano che una relazione stabile possa essere d’ostacolo al raggiungimento di obiettivi personali  (studio, lavoro come anche passioni varie) c’è infatti una larga percentuale di persone che” vorrei ma non posso”.

In una società italiana sempre più a misura di scapolo, quindi, sono sempre di più le persone che decidono di restare single anteponendo la loro indipendenza al cuore.

Certo, da sempre sosteniamo che i termini Single e Single di Ritorno possono essere fuorvianti ed interpretati male.

Single non significa necessariamente “persona da sola” in tutti i sensi!

Un single, anzi, oggi più di ieri,  può tranquillamente  avere una vita in cui le relazioni sia sociali sia sessuali sono molto intense e numerose, e questo, senza il minimo distinguo tra sesso, condizione sociale, ecc. ecc.

Quando  si immagina un single alla disperata ricerca della sua anima gemella si vede solo una piccola fetta dell’intera torta che compone questo mondo.

Un single può essere una persona felice, che ha libertà di riversare tutto se stesso in ciò che ama senza impedimenti esterni.

Che questo sia il lavoro, la carriera, il volontariato, hobby in generale, non è questo il punto.

Un single è innanzitutto una persona libera che può decidere liberamente come investire il proprio tempo e le sue energie.

La tendenza si inverte…

Il numero di single aumenta non solo in Italia ma in tutto il mondo e questo dato conferma come sempre più persone decidono di vivere da sole.

L’inversione di tendenza a cui stiamo assistendo è ancora più marcata se si osservano meglio i numeri che compongono questo esercito di persone.

Escludendo i vedovi, le persone sole in Italia sono oltre 5 milioni e di queste la maggior parte sono donne.

Sempre più le single donne

Già proprio loro!

Proprio il gentil sesso che da sempre sognava una vita in due.

Proprio le bambine cresciute a pane e coppia che, anni fa, vivano nel terrore di non trovare nessuno .

Proprio quelle donne per le quali restare zitelle significava ricevere un pessimo marchio sociale da cancellare il più presto possibile ad ogni costo.

Le stesse donne che oggi, forti di un’indipendenza conquistata lottando sul campo di battaglia, possono tranquillamente concedersi il lusso di aspettare e nel contempo vivere appieno la propria vita in modo appagante.

Chi sono i single moderni?

Potremmo descrivere il single moderno come una persona

  • soddisfatta,
  • libera,
  • integrata nella società.

Potremmo descrivere inoltre il single moderno come una persona che preferisce aspettare piuttosto che impelagarsi in relazioni dannose e infruttuose.

Il single moderno sa attendere senza impazienza e frenesia, vive la sua vita con un sano egoismo e guarda da lontano l’ipocrisia e la falsità che contraddistingue molte coppie “a stare insieme per forza”,  sopportandosi ed affrontando vite di compromessi e rinunce.

Non tutti per scelta

Se libertà significa scelta e responsabilità, per essere liberi occorre innanzitutto che ci siano le condizioni indispensabili.

Nello scenario attuale, purtroppo, non tutti le persone sono economicamente indipendenti e, spesso, in questo caso, la condizione di single è più un’imposizione sociale che una scelta di vita.

In Italia aumenta vertiginosamente  il numero di persone che, pur avendo una certa età, sono ancora costrette a vivere con la propria famiglia d’origine a causa di indigenze economiche varie.

Accanto a  chi era uscito di casa e vi ritorna perché ha perso il lavoro, troppi under 35 un lavoro non l’hanno mai trovato e, sostanzialmente, non possono fare una scelta.

Pane, amore e fantasia, due cuori ed una capanna, sono un lontano ricordo.

Oggi sia uomini che donne cercano anche la stabilità economica e, proprio perché le dinamiche sociali sono cambiate e non impongono più la necessità di metter su famiglia per forza, si può attendere che arrivino le condizioni per fare questo passo.

Del resto si fanno sempre meno figli per le stesse ragioni.

Sempre per la stessa ragione, aumentano il numero di coppie che decidono di vivere sotto lo stesso tetto se pur “scoppiate”.

 E non è meglio aspettare la persona giusta che vivere in queste condizioni?

Molti single sono persone sole per necessità e non perché vogliono effettivamente esserlo.

In un Italia, dove anche il corteggiamento ha il suo costo 🙂 , non tutti possono permetterselo oggigiorno!

Servirebbero sicuramente “stipendi più normali”.

Nell’attesa, ragazzi e ragazze, uomini e donne, si consolano al grido di

“Meglio soli che male accompagnati”

come diceva mia nonna, e vivono il proprio presente.

C’è tanto da discutere, se vuoi parliamone insieme!

Lascia il tuo commento qui in basso.

A presto.

 

Cosa ne pensi? Lascia il tuo commento con FB!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *